Cdp sostiene i progetti innovativi di Prima Industrie

Cassa Depositi e Prestiti (Cdp) ha erogato un finanziamento di 12,5 milioni di euro al gruppo Prima Industrie, che ha sede in Collegno ed è guidato da Gianfranco Carbonato, attivo nello sviluppo, produzione e commercializzazione di sistemi laser per applicazioni industriali e macchine per la lavorazione della lamiera.

Il prestito, si legge in un comunicato di Cdp, è finalizzato a sostenere il piano investimenti del prossimo triennio in ricerca e innovazione. In particolare, “le risorse permetteranno di sostenere i progetti innovativi orientati a nuovi sviluppi relativi alle macchine e alle sorgenti laser, alle macchine operanti nel settore dello sheet metal fabrication e dell’additive manufacturing, e saranno altresì destinate alla digitalizzazione di prodotti e processi secondo i criteri dell’Industry 4.0″.

Prima Industrie ha 13.000 macchine installate in più di 80 Paesi ed è fra i primi costruttori mondiali nel mercato di riferimento. Conta circa 1.800 dipendenti (di cui circa 800 in Italia) e otto stabilimenti produttivi specializzati per area di attività o tecnologia, di cui quattro in Italia, uno in Finlandia, due negli Stati Uniti e uno in Cina.

La società è quotata, dal 1999, nel mercato regolamentato Mta di Borsa Italiana – segmento Star – e ha realizzato nel 2019 un fatturato consolidato di 427 milioni di euro.

Davide Danieli, CFO del Gruppo Prima Industrie ha dichiarato: “Prima Industrie conferma la propria attenzione all’innovazione che da sempre caratterizza il DNA del Gruppo; nonostante la complessa situazione di mercato dovuta all’emergenza sanitaria Covid-19, la Società non ha interrotto il percorso di innovazione dei propri prodotti e di digitalizzazione dei propri processi e servizi, mantenendo una forte propensione alla ricerca e sviluppo e alla crescita tecnologica. A tale riguardo Prima Industrie ringrazia CDP per la fattiva collaborazione ed il sostegno dimostrato nei confronti delle proprie attività più innovative”.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *