Affidati i lavori per il rinnovo degli impianti di potabilizzazione della città di Torino

Parte la seconda delle grandi opere previste dal Piano Investimenti dell’Azienda a servizio della Città Metropolitana di Torino: il potenziamento degli impianti di potabilizzazione del fiume Po. In programma opere di ampliamento ed ammodernamento tecnologico del complesso industriale degli impianti di potabilizzazione a servizio della Città di Torino.

L’Amministratore Delegato di SMAT, Marco Ranieri, ha firmato il contratto per l’affidamento della gara relativa alla progettazione esecutiva ed alla realizzazione dei lavori per adeguare con nuove tecnologie gli impianti realizzati negli anni ’60.
La gara, bandita a fine 2019 a seguito della progettazione preliminare e definitiva sviluppata dalla Società Risorse Idriche del Gruppo SMAT, è stata aggiudicata al Raggruppamento Temporaneo di Imprese con capogruppo SUEZ Trattamento Acqua.

Il revamping complessivo delle 3 linee di trattamento degli impianti del Po prevede la predecantazione nei moderni bacini di lagunaggio, l’ammodernamento tecnologico, la revisione delle intere linee di trattamento e la sostituzione dell’attuale sistema finale di ossidazione-disinfezione con la più moderna tecnologia ad ozono introducendo infine una ulteriore barriera nei confronti degli inquinanti mediante l’adozione di membrane di ultrafiltrazione per garantire una sempre maggior prevenzione igienico-sanitaria.


I lavori dureranno circa 4 anni e prevedono una presenza media in cantiere di oltre cinquanta lavoratori. Il costo complessivo per la realizzazione di tutte le opere ammonta a 84,8 milioni di Euro.
“L’ampliamento ed il potenziamento degli impianti di trattamento delle acque provenienti dal fiume Po – commenta Paolo Romano, Presidente SMAT – rientra tra le opere prioritarie e più significative per l’area torinese: nonostante questo periodo che condiziona molto lo sviluppo di opere complesse ed innovative, la SMAT e la sua partecipata Risorse Idriche, hanno completato in tempi brevi la fase più delicata che si conclude con la consegna dei lavori per un nuovo impianto che sarà in grado di rispondere in modo efficace alle sfide rappresentate dagli inquinanti emergenti e dai cambiamenti climatici”.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *