PD Collegno: la sorpresa Angelo Gennaro

Il circolo del partito democratico di Collegno da oggi ha un nuovo segretario, Angelo Gennaro. Alle 18 di sabato pomeriggio si sono chiuse le operazioni di voto che hanno portato all’elezione dell’unico candidato propostosi. 

Angelo Gennaro arriva da una storia che lo lega a questo territorio per il suo decennale impegno sociale, in modo particolare nel mondo giovanile, prima come volontario, poi come educatore professionale, lavoro che svolge tutt’ora. 53 anni, sposato, padre di due figlie, Angelo da due anni e mezzo ricopre anche l’incarico di consigliere comunale, dopo un percorso di impegno attivo nel gruppo di lavoro “Collegnamo”. 

“Sono entrato a far parte del partito democratico perché per me è l’unica risposta credibile alle richieste ai bisogni di una società moderna, che fa i conti con la complessità del nostro tempo, ma che mantiene alcuni aspetti fragili che vanno tutelati e protetti. Perché è attenta al mondo del lavoro nella sua totalità. Perché punta a mantenere vive le diverse anime che lo compongono rispettandone le differenze. Perché cerca di fare in modo che nessuno resti indietro.”

Queste in parte le dichiarazioni contenute nella sua relazione di presentazione durante la serata di apertura del congresso, di fronte alle forze politiche di coalizione e non, dei sindacati e del mondo delle associazioni presenti.

I lavori congressuali hanno visto alta partecipazione in entrambi i momenti, segno che l’aver potuto riaprire i locali storici del Circolo post pandemia, ma anche il forte desiderio di tornare ad essere forza politica attiva e presente, hanno spinto gli iscritti e gli amministratori ad essere presenti.

“Accettando di intraprendere questo percorso, non mi sono sentito appartenente ad un gruppo in contrapposizione ad un altro, ma ho pensato di poter rappresentare, insieme a voi, una modalità relazionale aperta e inclusiva, che permetta di sostenere chi è in difficoltà e di lavorare per un’idea, un progetto, un obiettivo condivisibile e coinvolgente. Attivare una stagione di confronto permetterebbe di percorrere insieme una strada meno tortuosa di quella su cui stiamo viaggiando. Una delle mie missioni, nella mia professione, è stata quella di mitigare e risolvere le fragilità personali proprie del tessuto sociale popolare in difficoltà. Affronterò questa nuova avventura, mettendo a disposizione della comunità lealtà, competenza e passione civica.”

Buon lavoro al nuovo segretario cui spettano grandi sfide, ma anche la possibilità di poter cambiare passo con coraggio e disponibilità.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *