AEROSPAZIO E IDROGENO
A COLLEGNO GLI ECOSISTEMI INNOVATIVI METROPOLITANI

Tra la Città dell’Aerospazio e il Chilometro Blu, aziende e spazi si incontrano per insediarsi sul
territorio


Con l’evolversi dei progetti della Città dell’Aerospazio, del Chilometro Blu e
l’approssimarsi della conclusione del prolungamento della Linea 1 della Metropolitana, si
registra una significativa richiesta di luoghi del lavoro idonei per ospitare imprese, che hanno la
necessità di ricollocarsi o ampliarsi, o nuove start up che vogliono svilupparsi. Per rispondere in
maniera organica a questo nuovo scenario, la Città di Collegno insieme al Patto Territoriale ha
organizzato la Call “Ecosistemi innovativi metropolitani” per mettere in contatto domanda e
offerta, un incontro nato dal Tavolo di dialogo territoriale dello scorso aprile e da 3 mesi di fase
ascolto.
La posizione comoda alla tangenziale, la Metropolitana, servita dalla ferrovia, dal trasporto
pubblico locale, da un sistema di mobilità sostenibile in fase di potenziamento, oltre alla diffusa
presenza di servizi a disposizione di persone e imprese, classificano la zona ovest di Torino come
una delle aree più richieste sul fronte del mercato immobiliare.
Un modo innovativo per costruire insieme il futuro del territorio e delle aziende che vorranno
partecipare a questa fase di costruzione e rilancio.
«In questo tempo di grandi trasformazioni cogliamo segnali positivi – spiega il Sindaco di
Collegno, Francesco Casciano, capofila del progetto «C’è molto interesse a partecipare alle
diverse transizioni produttive, digitali, ecologiche e sociali, per questo ci siamo attivati per
raccogliere le domande di nuovo insediamento e la necessità di rafforzare le reti e i sistemi
territoriali di un’area a forte vocazione industriale e innovativa»


La partecipazione di aziende e di chi possiede spazi insediativi conferma l’interesse per un’area
che sarà attraversata da diversi progetti strategici, dalla Città dell’Aerospazio, che sorgerà nel
comparto tra corso Francia e corso Marche, e il Chilometro Blu, il polo di economia circolare della
Zona Ovest. Proprio il Chilometro Blu è una scommessa che vuol unire competenze, valorizzare
percorsi sedimentati in tanti anni di sviluppo in ambito ambientale e di trattamento dei rifiuti,
automotive, meccanica, meccatronica, aerospazio e terziario avanzato, settori radicati e
all’avanguardia che attraverso alte collaborazioni possono aprire nuovi scenari e innovazioni di
rilievo globale.
«Se “cooperare per competere” è il mantra che muove l’azione concertata dei Comuni del nostro
territorio» ha detto il Presidente del Patto Territoriale Zona Ovest Umberto D’Ottavio, «la
società Zona Ovest, espressione di questa volontà, è al servizio dei progetti che qui devono
trovare le condizioni migliori per la loro attuazione. Metteremo a disposizione la nostra
esperienza ventennale di coinvolgimento di soggetti pubblici e privati per lo sviluppo territoriale
e di settore. L’incontro proficuo fra domanda ed offerta dovrà rafforzare le indicazioni della
Regione Piemonte e della Città Metropolitana di Torino sui temi centrali della transizione
industriale ed ecologica del nostro territorio».


Il vice rettore del Politecnico Giuliana Mattiazzo: «Il Politecnico investe negli ecosistemi
innovativi come occasione di sviluppo di formazione, ricerca applicata, trasferimento tecnologico
per far crescere le imprese, il sapere e il saper fare del nostro territorio».
La Presidente del Distretto Aerospaziale Piemonte Fulvia Quagliotti: «Seguiamo con interesse
la disponibilità del Comune di Collegno a sviluppare una progettualità che intenda rafforzare la
presenza di aziende del comparto aerospace sul nostro territorio in relazione al progetto della
“Città dell’Aerospazio».
«Chilometro Blu a Collegno è la sintesi e la sinergia non solo di un progetto» ha detto
l’Assessore alle Attività produttive della Regione Piemonte Andrea Tronzano «ma di un gruppo
di lavoro condiviso, che guarda al futuro e alla transizione ecologica come sintomo di una qualità
della vita a cui tutti noi dobbiamo tendere se vogliamo programmare, e bene, il nostro futuro.
Ma qui c’è anche spazio, e parecchio, per dare opportunità e stimoli alle varie filiere dell’industria
dell’automotive e dell’aerospazio su cui la Regione e tutti gli enti coinvolti stanno lavorando per
rafforzare quella cultura di impresa che è propria del nostro territorio».
Gianna Pentenero assessora al Lavoro e alle Attività produttive di Torino: «Dobbiamo
intensificare il livello di cooperazione intercomunale affinché l’area metropolitana diventi il
motore del rilancio del Piemonte. Come nuova Amministrazione abbiamo già adottato delibere
per favorire e semplificare l’insediamento delle attività imprenditoriali: rafforzare i sistemi
territoriali è una risposta forte e concertata per promuovere il rilancio economico»

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *